CONCORSO INTERNAZIONALE
CON IL PATROCINIO DI

Fondazione UNESCO Sicilia
Regione Siciliana – Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana
Città di Palermo
AI – Associazione Autori d’Immagini
AIAP – Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva
Unicoop Sicilia
Associazione Imago
Associazione Amici dei Musei Siciliani

“Con la testa… tra le cupole”

Itinerari01

Itinerari guidati alla scoperta
delle cupole della città di Palermo

Come fase preliminare alla partecipazione a “Che Cupola!”, verranno invitati gli studenti – o chiunque volesse partecipare tra gli iscritti al concorso – a seguire un itinerario guidato alla scoperta delle cupole più rappresentative della città di Palermo. L’itinerario prevede un percorso a piedi, nel centro storico della città, e una tappa raggiungibile con un bus navetta.

Questi i monumenti interessati.
Clicca sui nomi per aprire una nuova finestra con alcune immagini. Ricorda che la documentazione fotografica completa è raggiungibile qui

Cattedrale
Chiesa del Santissimo Salvatore
Chiesa del Carmine Maggiore
Chiesa di San Cataldo
Chiesa di San Giuseppe dei Teatini
Teatro Massimo
Casina Cinese e Museo Pitrè

La nostra scelta è caduta su “queste” cupole, poiché caratterizzano il panorama architettonico cittadino, attraverso molti secoli, e stilemi diversissimi tra loro; abbiamo inserito nell’itinerario una cupola del periodo normanno, una cupola barocca scultorea, una barocca maiolicata, una settecentesca, una originalmente racchiusa in una loggia esterna, una cupola – particolarissima – in stile cinese e una teatrale. Sono state scelte, inoltre, perché quasi tutte vicine tra loro e perché facilmente visibili da molti punti della città.

La visita alla Chiesa del Santissimo Salvatore, in particolare, risulterà particolarmente suggestiva: i visitatori, infatti, potranno salire fin sulla sommità della cupola, osservandola, in tal modo, da vicino.

Durante il percorso di visita, gli studenti saranno invitati a partecipare ad alcuni “giochi di strada” recuperati dalla tradizione popolare siciliana. Sarà, questo, sia un momento di svago, che di socializzazione; oltreché un’occasione per riscoprire le radici, gli usi e i costumi di un’affascinante Palermo storica, attraverso il gioco, non inteso – solo – come attività ricreativa, ma anche, e soprattutto, come momento di apprendimento.

I giochi proposti, diversificati a seconda dell’età dei partecipanti, si svolgeranno in due siti, uno intermedio e uno posto alla fine dell’itinerario (piazza del Carmine e lo spazio antistante la Casina Cinese) e sono tratti dal libro “Siciliano-Imparo giocando” di Sara Favarò, scrittrice e ricercatrice di tradizioni popolari siciliane.

Ecco quali saranno:
• “O che bel castello” e “Ai quattru cantuneri”, per la scuola primaria
• “Ammucciareddu e incatenata”, per la scuola secondaria di I grado
• “I pisuli e badduni e strummula”, per la scuola secondaria di II grado
• Creazione di bambole, per il livello accademico.

I dettagli sull’itinerario saranno disponibili oltre che sul Web, (nel minisito di “Che Cupola!” e nei siti di Illustramente e del Centro Culturale Skené) e sotto forma di applicazione gratuita per dispositivi di telefonia mobile (non appena disponibile negli store ve ne daremo notizia).

Un altro itinerario, più ampio, sarà comunque fruibile per tutti coloro che, interessati o meno al concorso, vogliano documentarsi e conoscere questo particolare aspetto dell’architettura cittadina rappresentato dalle cupole.

L’itinerario esteso riguarderà i monumenti di San Giovanni degli Eremiti, San Giuseppe Cafasso (ex San Giorgio in Kemonia), la Cattedrale, la chiesa del Santissimo Salvatore, la chiesa del Carmine Maggiore, la chiesa di San Cataldo, la chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, la chiesa di San Giuseppe dei Teatini, il Teatro Massimo, la Casina Cinese e il Museo Pitrè.

Concorso internazionale
di illustrazione e disegno
Che Cupola!

Per tutte le informazioni
Segreteria organizzativa

Centro Culturale Skené
via Imperatore Federico, 38
90139 – Palermo
Tel. 347.7561652 – 091.7745820

Share